Business Development

  • Home
  • /
  • Business Development

Nel corso della mia vita professionale ho sviluppato direttamente o indirettamente prodotti e servizi molto diversi. Ho standardizzato macchine automatiche, disegnato occhiali, progettato arredi, aperto nuovi canali di vendita per assicurazioni e prodotti finanziari, ideato sistemi informativi, attivato modelli di gestione e rendicontazione dei fondi pensione aperti, creato modelli formativi, fondato un centro studi specialistico, “realizzato” magazzini automatici e polizze assicurative. 

Come è stato possibile tutto questo?

Nonostante qualcuno mi attribuisca meriti che non ho, è potuto succedere grazie a un po’ di fortuna, tanta energia, ascolto e la competenza di specialisti molto bravi. Sono un generalista e, nonostante ami sporcarmi le mani in prima persona, nulla sarebbe stato possibile senza le persone che ho avuto la fortuna e l’onore di coordinare e motivare. 

L’approccio generalista ha il vantaggio di essere “aperto” a qualsiasi soluzione senza cedere a schemi predefiniti. Grazie a tale approccio è più facile sperimentare ed innovare. Il mio modello di sviluppo si ispira a quello “biologico”: 

  1. Tre mesi di incubazione (analisi e pre-pogettazione)
  2. Sei mesi di implementazione
  3. Fatturazione del primo output al nono mese

La consulenza agisce da catalizzatore favorendo l’emergere di nuove soluzioni e sintesi possibili. Nei casi di successo il consulente crea reazioni di gelosia (NIHS – not invented here syndrom) che consigliano per il proseguimento dei lavori, l’affidamento del progetto al partner o alla funzione preposta dell’azienda.

Le mie abilità
Sfida 80%
Partner 60%
Campo 90%
Delega 80%
  • Ogni progetto deve apparire fattibile ma essere vissuto come una sfida, scatenare adrenalina, stress e amor proprio
  • In ogni progetto occorre un partner aziendale, anche junior, ma dedicato al 100%
  • Nei tre mesi di analisi faccio un full immersion in cui mi confronto con clienti, fornitori, venditori, e con tutti gli stakeholder potenzialmente interessati, raccogliendo informazioni, pareri, bisogni, consigli direttamente dalle figure interessate
  • Autonomia operativa nell’ambito di un’area stabilita